Confermata la corretta implementazione del JCPOA

Lo scorso 25 aprile si è riunita a Vienna la Commissione Congiunta del Joint Comprehensive Plan of Action (JCPOA). È la quinta volta che la Commissione si è riunita a partire dall’Implementation Day dello scorso 16 gennaio: essa ha infatti il compito di monitorare e accertare l’effettiva e corretta implementazione Prosegui la lettura …

Inasprite le sanzioni USA contro Pyongyang

Il 21 marzo 2017 è stato introdotto un disegno di legge, il Korean Interdiction and Modernization of Sanctions Act (H.R. 1644), che mira a espandere le sanzioni esistenti contro la Corea del Nord. Il 4 maggio 2017 il disegno di legge è stato approvato alla Camera dei Rappresentanti con una Prosegui la lettura …

La Francia adotta una legge sul dovere di vigilanza delle società madre

La Francia ha introdotto una nuova forma di responsabilità per le imprese nell’ambito della “supply chain” statuendo un dovere di vigilanza da parte delle società “madri” o capogruppo nei riguardi delle controllate. Con una legge, intitolata “Loi relative au devoir de vigilance des sociétés mères et des entreprises donneuses d’ordre” Prosegui la lettura …

Il Regno Unito e le sanzioni

La posizione del Regno Unito nei riguardi delle sanzioni internazionali si prospetta interessante alla luce della Brexit. Resta, infatti, da capire, quale atteggiamento il Regno Unito assumerà con riguardo alle sanzioni ONU e UE. Alcune “mosse” sono già state assunte: vista la rimozione progressiva delle sanzioni all’Iran sulla base del Prosegui la lettura …

Gli interventi della Corte di Giustizia in tema di sanzioni

La Corte di Giustizia dell’UE sta esercitando un forte ruolo nell’ambito delle sanzioni economiche internazionali. Se inizialmente la Corte limitava la sua competenza al solo controllo della legalità della procedura nell’adozione di decisioni nell’ambito della Politica Estera e di Sicurezza Comune (PESC), nel corso del tempo è venuta ampliando il Prosegui la lettura …

Rinnovo delle Misure restrittive imposte dall’Unione europea

A partire dal 2017, l’Unione europea ha rinnovato diverse misure restrittive nei riguardi di determinati Paesi Tunisia: Il congelamento dei beni di 48 soggetti tunisini, ritenuti responsabili dell’appropriazione indebita di fondi statali è stato prorogato fino al 31 gennaio 2018 (Regolamento 2017/149 e Decisione PESC 2017/153) e sono state aggiornate Prosegui la lettura …

L’uso della tabella di correlazione tra voci TARIC e beni a duplice uso

Uno dei problemi più rilevanti che si pongono all’attenzione degli operatori economici che esportano prodotti di duplice uso riguarda la corretta qualificazione oggettiva dei beni. Al fine di ottenere una mappatura dei beni, molti fanno riferimento alla tabella di correlazione pubblicata dalla Commissione europea, la quale indica in astratto a Prosegui la lettura …

La Corte di Giustizia UE afferma che i pagamenti non sono “assistenza finanziaria”

Gli operatori commerciali e finanziari attivi in paesi colpiti da sanzioni dell’Unione europea si sono a lungo interrogati sul significato da attribuire all’espressione ‘assistenza finanziaria’ utilizzata in certi regolamenti dell’Unione europea che dispongono misure restrittive- si vedano, ad esempio, il Regolamento (UE) n. 267/2012 concernente misure restrittive contro l’Iran e Prosegui la lettura …

L’Unione europea propone norme sul commercio illegale dei cosiddetti “conflict minerals”

Il 16 marzo 2017 il Parlamento europeo ha approvato a larga maggioranza (558 voti a favore) la proposta della Commissione europea di porre fine al finanziamento dei gruppi armati e alle violazioni dei diritti umani tramite il commercio illegale di minerali dei conflitti (“conflict minerals”). Questo regolamento obbliga tutti gli Prosegui la lettura …

Lo “snap-back” delle sanzioni all’Iran durante la presidenza Obama e le possibili scelte future di Trump

Il 15 dicembre 2016 l’OFAC ha aggiornato le FAQs (“Frequently Asked Questions”) relative al fenomeno di “snap-back” previsto dal JCPOA, ovvero il fenomeno che prevede il ripristino immediato delle sanzioni contro l’Iran, in caso di violazione da parte dello stesso, degli accordi sottoscritti nel luglio 2015. La FAQs M.4 ha Prosegui la lettura …